giovedì 21 gennaio 2010

La Gubana

Sbirciando tra i blog..mi sono abbattuta nella GUBANA del maestro Adriano.







la lavorazione mi spaventava un pò..quindi ho sempre rimandato la preparazione.
Ma due giorni fa mi sono chiesta: perchè non provare??!
avevo tutto l'occorrente e mi sono messa all'opera.. dopo 2 giorni di intenso lavoro posso dire di avercela fatta!!
il dolce è di una bontà estrema.. il ripieno non potrebbe essere + azzeccato (io non ho messo i pinoli perchè non li avevo e neanche le noci.. ma le ho sostituite con mandorle e nocciole. e per il passito ho messo del marsala)
quanta soddisfazione quando ieri sera finalmente l'ho assaggiata!
Grazie Adriano per tutte le spiegazioni e la ricetta stupenda.
riporto fedelmente la ricetta del maestro e riporto le FOTO della mia preparazione.
RIPETO.. fatela assolutamente perchè ne vale veramente la pena.

Ingredienti:

600gr farina W 300 (in alternativa: farina Manitoba per uso non professionale)
200gr latte intero
110gr acqua
180gr zucchero
160gr burro
1 uovo + 2 tuorli
14,5gr lievito fresco
8gr sale
1 cucchiano di malto
zeste grattugiate di 1 arancia ed 1 limone
1 baccello di vaniglia o 1 cucchiaino di estratto.

Ripieno:

220gr uvetta sultanina
90gr Picolit o altro passito
mandorle spellate e tostate 80gr
gherigli di noce 80gr
nocciole tostate 50gr
pinoli saltati in poco burro 30gr
zucchero 100gr
zeste grattugiate di 1 arancia ed 1 limone
1 uovo
burro 40gr
1 cucchiaio miele
120gr panbrioche (o biscotti secchi)
1 cucchiaio marmellata di albicocche
50gr arancia candita tritata fine
50gr cioccolato fondente tritato
50gr amaretti secchi tritati
(gli ultimi 5 ingredienti non sono canonici e possono essere omessi, ma arricchiscono il sapore)


Mattino precedente alla cottura:
prepariamo una biga con 150gr di farina, 70gr acqua e 1,5gr lievito
impastiamo a mano il minimo indispensabile e poniamo a 18° per 24 ore.

Prepariamo il ripieno mescolando la frutta secca ridotta in granella, l’uvetta fatta rinvenire 24 ore nel passito, il liquido di macerazione ed il panbrioche tritato, con il burro sciolto con il miele e tutti gli ingredienti tranne l’uovo. Copriamo e poniamo in un luogo fresco.

Sera:
prepariamo un poolish aromatizzato, con 200gr latte leggermente intiepidito, 100gr di farina, zeste grattugiate di 1 limone, 6gr lievito. Copriamo e mettiamo in frigo a 5°.

Mattino:
tiriamo fuori il poolish dal frigo e diamo una mescolata.
sciogliamo i rimanenti 7gr di lievito ed il malto in 40gr di acqua, amalgamiamo 40gr di farina e lasciamo gonfiare.

Uniamo i 2 preimpasti, prepariamo 215gr di farina, versiamola tutta nella ciotola, tranne una manciata ed avviamo la macchina con il gancio. Quando l’impasto si sarà formato, aggiungiamo la biga spezzettata, il tuorlo, 60gr di zucchero, la farina rimanente ed incordiamo. Inseriamo 60gr di burro morbido (su cui avremo spalmato i semini della bacca di vaniglia). Lavoriamo finchè l’impasto non si presenterà semilucido, elastico e ben legato.


Copriamo e trasferiamo a 28° fino a che triplica (ca. 1 ora).


2° impasto:
Avviamo la macchina, serriamo l’incordatura, poi aggiungiamo un albume seguito da ca. metà della farina rimanente, alla ripresa dell’incordatura uniamo 1 tuorlo con metà dello zucchero ed uno spolvero di farina, riportiamo in corda ed inseriamo l’altro tuorlo con lo zucchero rimanente, il sale ed il resto della farina. Incordiamo, poi aggiungiamo il burro appena morbido, su cui avremo grattugiato le zeste dell’arancia. Lavoriamo ribaltando di tanto in tanto l’impasto nella ciotola, finchè non sarà incordato e farà il velo.

Copriamo e trasferiamo a 26° per 45’.

Rovesciamo la massa sulla spianatoia e diamo le pieghe del tipo 2.

mettiamo in frigo a 8° in un contenitore coperto, fino al primo pomeriggio (o il giorno successivo ma a 5°).



Tiriamo il contenitore fuori dal frigo e dopo un’oretta spezziamo l’impasto in 2 parti.
Stendiamo ognuna di queste, con il matterello, in un ovale spesso 5 – 6mm ca.

Spalmiamo il ripieno (a cui avremo unito l’uovo), lasciando un dito di bordo, che pennelleremo con albume. Arrotoliamo in diagonale, stringendo man mano; allunghiamo delicatamente il rotolo come faremmo con una baguette, avvolgiamo delicatamente il rotolo su sé stesso (come per strizzare un panno bagnato) ed arrotoliamo, mettendo il capo terminale della chiocciola, sotto.






Prepariamo due stampi con della carta forno, come per i panettoni, tagliano per ognuno 2 strisce da 10cm e 3 da due dita. Pieghiamo le prime in due per il lungo ed aggiuntiamole con la spillatrice. Prepariamo la corona prendendo la misura sulla cubana e procediamo nel solito modo, avendo cura di appuntare, per precauzione, gli spilli dall’esterno verso l’interno.



Sistemiamo il tutto su una placca da forno, copriamo con pellicola e poniamo a 28° fino al raddoppio (ca. 90’)
Pennelliamo con albume, cospargiamo abbondantemente con zucchero semolato ed inforniamo a 180 per ca. 45’ o fino a cottura, proteggendo all’occorrenza con dell’alluminio.









Lasciamo raffreddare su una gratella, avvolte in un panno.
prima gubana

seconda gubana

Le fette.. si vede il ripieno avvolto!






Gustare con un bicchierino di Picolit o altro vino passito.

7 commenti:

  1. complimenti!! è perfetta!! e chissà che buona!

    RispondiElimina
  2. Ciao, ho dato una sbircaita al tuo blog....ho preso 4 chili :) Complimentoni x la tua passione!

    RispondiElimina
  3. ciao! grazie mille x i complimenti!!

    RispondiElimina
  4. Sono piacevolmente sorpreso che alla tua età si abbia voglia di cimentarsi in una preparazione così elaborata. Tra l'altro dal risultato mi pare tu abbia davvero una buona manualità.
    Ti faccio i miei complimenti!

    RispondiElimina
  5. ti ringrazio tanto.. mi piace sperimentare e soprattutto ce l'ho fatta grazie alle spiegazioni accurate della tua ricetta!

    RispondiElimina
  6. Abito a Verona, dove posso trovare la Gubana??? Grazie Giampaolo

    RispondiElimina
  7. ciao Giampaolo! sinceramente io sia a mantova ce a Verona non ho trovato in nessuna pasticceria questo dolce, ed è per questo che l'ho fatta io! non è difficile da fare se hai dimestichezza con i lievitati! provaci! un saluto.

    RispondiElimina

Grazie a chiunque lascerà una traccia di sé in Dolci Delizie!
Sono ben accette critiche, consigli e perchè no.. anche complimenti!!
un affettuoso Grazie in anticipo a tutti!
Ele

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...